Informazioni varie|Come arrivare|Contatto|Impressum|Cookies
DeutschItalianoDeutsch

Il comune di Terlano

Il paese vinicolo di Terlano, con le frazioni Vilpiano e Settequerce, s’inserisce magnificamente tra i frutteti e vigneti della Val d’Adige ad un’altitudine di 248 m s.l.m. a soli 10 km dal capoluogo di provincia Bolzano e ca. 16 km dalla città di cura di Merano.
Il paese di Terlano é noto soprattutto per i suoi eccellenti vini bianchi Sauvignon, Chardonnay) e gli asparagi. La superficie comunale si estende per ca. 8,65 km², di cui 953 ha superfici coltivate e 576 ha superfici boschive.

Altitudine: 240-1.175 m (centro paese 248 m)

Il comune di Terlano conta 4.282 abitanti (stato 31.12.2014):
Località principale: 2.608 abitanti
Frazione Settequerce: 875 abitanti
Frazione Vilpiano: 799 abitanti

Terlano

La zona di Terlano vanta un clima particolarmente mite e piacevole. Pertanto non c‘é da meravigliarsi se in zona si trovano tracce di insediamenti umani risalenti a periodi preistorici. Le tracce più antiche risalgono al neolitico (ca. 200 anni  a.C.). Sulla collina nota come il “Greifensteiner Burghügel“ sono stati trovati nel 1966 alcuni cocci di terracotta risalenti proprio a questo periodo preistorico.

Nei pressi del Maso Pataunerhof a Settequerce é stata rinvenuta nel 1961 una tomba celtica.

Il nome “Terlan“  fu menzionato per la prima volta in un documento del 828 d.C. come “Taurane“ e nel 923 d.C. come “Torilan“. Il nome odierno si è sviluppato negli anni successivi.

Nel Medioevo Terlano fu sede del tribunale Neuhaus che comprendeva gli attuali paesi Terlano, Andriano, Nalles e Vilpiano.  L’ultima contessa del Tirolo, Margarethe von Görz-Tirol, (Margherita di Tirolo-Gorizia), detta Margherete Maultasch (Margherita Boccagrande) passò molto tempo nel Castello Neuhaus sopra Terlano. Per questo motivo le rovine del castello sono più conosciute con il nome di “Rovine di Castel Maultasch“ che con il loro vero nome “Neuhaus“.

Nel XVI. secolo a Terlano fioriva l’industria miniera. Si estraeva soprattutto la galena dalla quale si otteneva l’argento. Con il tempo il rendimento delle miniere diminuì e l’attività cessò.  Nel XX. secolo, intorno al 1907, le miniere di  Terlano e Nalles furono riaperte.  Nella miniera Kreith di Terlano si lavoró, salvo un paio di interruzioni, fino agli anni 50.

La miniera d’argento portó benessere e richezza agli abitanti di Terlano. Questo benessere si espresse soprattutto nella struttura rigogliosa della Parrocchiale di Terlano che ancor’oggi custodisce magnifici affreschi in stile gotico. Anche il nome del pregiato vino rosso di Terlano “Silberleiten“ testimonia il glorioso passato delle miniere d’argento (Silber = argento).

La tradizione vinicola di Terlano risale a più di 2000 anni fa.  Uno dei fattori principali per la buona rendita delle vigne è sicuramente il clima mite, quasi mediterraneo che regala calde giornate di sole e notti fresche nel periodo della maturazione ai piedi del Monte Zoccolo (Tschöggelberg). L’ottima crescita delle vigne è favorita anche dalla consistenza del terreno porfirico di color rosso, facilmente riscaldabile.
In questa magnifica zona vinicola è stata inaugurata nel 1893 la Cantina di Terlano, seconda per anzianità dopo la Cantina di Andriano.  La cantina conta più di cento viticoltori che collaborano all’insegna della tradizione e innovazione.

La storia dei frutticoltori di Terlano è fortemente legata al fiume Adige che bagna il territorio.  Fino al 1900 molte zone della Val d’Adige erano considerate paludose.  Solo con i lavori di bonifica all’inizio del XX. secolo l’intera zona venne trasformata in un unico e meraviglioso frutteto.

Das Wetter in Südtirol
Wolkenlos

Heute 16 32

Heiter

Morgen 16 32

© Landeswetterdienst

Webcam
Webcam Terlan
Unsere Partner
Südtiroler Weinstraße Südtirols Süden Südtirol Raiffeisen Terlan